A-Z Indice del sito

COVID-19 – IMF – La sicurezza del sistema bancario è fondamentale in tempi di crisi

Lo sconvolgimento economico che viviamo oggi è potenzialmente più severo di quello a cui abbiamo assistito al tempo della crisi finanziaria globale. Lo shock della pandemia è diverso da qualsiasi altro affrontato finora. Mai prima d’ora le nostre economie sono state costrette a una serrata di queste proporzioni. Nello spazio di una settimana molte persone hanno perso il lavoro, mentre ristoranti, hotel e aerei sono stati svuotati. I consumatori e le aziende perdono le loro entrate e rischiano la bancarotta.

La pressione sul sistema bancario aumenta, mentre è imminente il fallimento dei debiti e molti si aspettano uno shock del settore finanziario simile a quello del 2008.

I politici si chiedono in che modo si ci possa preparare a un evento del genere. Poco più di dieci anni fa i leader mondiali svilupparono un sistema di regole per il settore finanziario, aumentando i requisiti minimi di qualità e quantità per i capitali bancari e la liquidità. Il loro successo ha costruito un sistema bancario più solido capace di sostenere colpi più forti in situazioni di stress.

Durante la crisi corrente le autorità nazionali stanno prendendo misure per fornire supporto fiscale e le banche centrali stanno aprendo nuove linee di liquidità. In che modo dovrebbero rispondere le autorità finanziarie per assicurarsi che la fiducia nel sistema bancario non venga meno?

Prescrizioni per il sistema bancario

Allo stesso modo dei medici, i supervisori bancari stanno rispondendo a una situazione straordinaria di crisi in continua evoluzione, utilizzando gli strumenti di risposta combinati per disastri naturali, eventi rischiosi e episodi di stress bancario. Il Fondo Monetario Internazionale con la sua posizione privilegiata dal punto di vista mondiale e l’esperienza pregressa può offrire alcuni utili consigli:

  • Non cambiare le regole: nel bel mezzo della crisi può creare più confusione che altro. Allo stesso tempo, bisogna essere pronti a dare la possibilità alle banche di allinearsi nel caso non riescano a rispettare le regole ed evitare di introdurre nuove iniziative; mentre le banche dovrebbero concentrarsi a mantenere le operazioni correnti, con la maggiore difficoltà di farlo da remoto.
  • Usare le riserve: le autorità devono comunicare chiaramente che le riserve di capitale e liquidità devono supportare le operazioni di credito bancario, senza conseguenze negative per la gestione delle banche. Le banche hanno costruito queste riserve al di sopra dei minimi richiesti dagli accordi di Basilea per gestire carenze di liquidità e perdita di entrate a causa di mancati pagamenti di prestiti.
  • Incoraggiare le modifiche dei prestiti: le autorità di vigilanza dovrebbero chiaramente comunicare alle banche di rimodulare i portafoglio prestiti per quei settori che sono stati colpiti duramente dallo shock. Dovrebbero anche ricordare alle banche della gestione flessibile dei rischi di credito e i principi contabili per le riduzioni di valore in queste situazioni.
  • Non nascondere le perdite: banche, investitori, azionisti, contribuenti, tutti dovranno sopportarle. La trasparenza è meglio delle butte sorprese, come ha dimostrato la crisi del 2008.
  • Essere chiari sulle misure di supporto: bisogna comunicare, con trasparenza in che modo banche e autorità tratteranno le misure di supporto fiscale rivolte a debitori, garanti del credito, sospensione dei pagamenti, trasferimenti diretti e sussidi, al di fuori del sistema del trattato di Basilea.
  • Rafforzare la comunicazione: incoraggiare il dialogo continuo tra le autorità di vigilanza e le banche, specialmente in questa situazione senza precedenti di lavoro da casa. Tipicamente, i requisiti richiesti per la rendicontazione nelle aree chiave come liquidità e posizione creditoria aumentano in tempi di crisi, ma, date le circostanze rimandare o ridurre i requisiti per controllare la salute finanziaria, potrebbe essere più sensato.
  • Coordinamento internazionale: Il settore bancario è molto globalizzato. Per questo è necessaria una coordinazione globale tra autorità nazionali. La crisi finirà, e i suoi effetti potrebbero aleggiare per molto tempo, ma mantenere l’integrità della struttura internazionale sarà cruciale per la credibilità dell’intero settore finanziario globale. Istituzioni internazionali come il Consiglio per la Stabilità Finanziaria e il Comitato di Basilea per la Supervisione Bancaria stanno lavorando notte e giorno per questo.

Basterà tutto questo?

Potrebbe essere troppo presto per dirlo. Le condizioni, in molti paesi, hanno raggiunto il massimo livello di severità testato dalle autorità finanziarie per verificare la tenuta dei sistemi bancari. E la situazione potrebbe peggiorare.

Si suppone che le attività economiche riprendano quest’anno, ma bisogna considerare scenari peggiori. In questo caso, le nostre misure dovrebbero essere completamente ripensate. Alcuni sistemi bancari potrebbero subire una ricapitalizzazione o una ristrutturazione. Il Fondo Monetario Internazionale ha una lunga esperienza nell’aiutare i Pesi a ricostruire i sistemi bancari con i suoi programmi di assistenza tecnica, e sarà pronto a fare la sua parte.

Per saperne di più: https://blogs.imf.org/2020/03/31/maintaining-banking-system-safety-amid-the-covid-19-crisis/

Attualità

L’assistenza in contanti del WFP e dell’UE aiuta a...

Riprese video WFP disponibili qui. Foto WFP disponibili qui. ANKARA – Con la Siria che entra nel suo decimo anno di...

Invito al Briefing sul COP26

The event is organized by the Permanent Missions of Italy and the United Kingdom. Date:...

FAO: Prezzi alimentari mondiali in calo a febbraio

Per la prima volta in quattro mesi i prezzi globali dei prodotti alimentari sono...

Il Piano di Azione per il Mediterraneo dell’UNEP riceve...

Il Piano di Azione per il Mediterraneo del Programma delle Nazioni Unite per l’Ambiente (UNEP/MAP) ha ricevuto il premio Eccellenza...

COVID-19: Non è il momento del panico ma quello...

THE SECRETARY-GENERAL -- REMARKS AT PRESS ENCOUNTER ON SYRIA AND COVID-19 New York, 28 February 2020       In...